Le origini delle banda musicale a Cittanova risalgono al 1880, anno in cui alcuni studenti, che a Napoli avevano seguito un corso di orientamento musicale, sentirono la necessità di costituire una "filarmonica" nel nostro paese.
In seguito venne aperta una scuola di musica e costituita una banda musicale diretta dal maestro Stabile, proveniente da Napoli, cosi come napoletani sono stati i maestri che successero al maestro Stabile (nell' ordine i maestri Iannotti, Bettinelli e Gioffrè).

Il Maestro IANNOTTI Giuseppe (Frasso Telesino, 23/02/1870 Napoli, 4/10/1938), Compositore e Direttore di Banda, studiò al Conservatorio "S. Pietro a Majella" di Napoli, diplomandosi in Pianoforte e Strumentazione per Banda (1908). Fu attivo come Compositore e Direttore di Bande in America, a Bovino (FG), a Cittanova (RC), ad Atessa (CH) e a Frasso Telesino (1928-1934 ca.). Due sue marce per Banda furono premiate al Concorso musicale "T. Belati" di Perugia. È autore di una Sinfonia, di numerose marce per Banda e di varie composizioni per Pianoforte.

Tra gli anni 1909 e 1915 a Cittanova esistevano due bande: una, quella Bianca, gestita dal Comune e l'altra, quella Rossa, formata da elementi che si raggruppavano attorno al Circolo Unione Popolare Libertà e Lavoro e diretta, quest' ultima, dal maestro napoletano Lenzi.

L'Unione Popolare Libertà e Lavoro fin dalla sua fondazione si proponeva, con lo statuto, la costituzione immediata di una scuola musicale e solo quando la potenzialità economica del sodalizio lo consentiva la istituzione di scuole serali e festive di arti e mestieri per i figli dei soci stessi e la banda musicale aveva anche il compito di accompagnare gratuitamente fino al cimitero i soci defunti. [continua >>>]

Il momento migliore della Banda, nel passato, si ebbe nel 1926 con la direzione del maestro cittanovese Amedeo Sorrenti.

Il Maestro Amedeo Sorrenti diplomatosi presso il Conservatorio di Salerno, già maestro della Banda dei Granatieri di Trieste e poi del Gran Concerto Bandistico "Città di Bianco". La Banda di Bianco iniziò la sua attività nel 1922 ed era composta di ben 65 elementi compresi i solisti. In pochi anni diventò un punto di riferimento della provincia di Reggio Calabria e i suoi componenti con la loro divisa coloniale suonarono in tutta la Regione Calabria. Verso il 1926 il maestro Sorrenti lasciava la Banda di Bianco per dirigere la Banda di Cittanova.

Tra i buoni strumentisti forniti dalla banda nel corso della sua storia si ricorda il sax tenore Luigi Letizia, che negli anni '30 entrò a far parte della Banda della Marina, il sax tenore Giuseppe Muratori e il sax soprano Luigi Albanese, anch'essi nel '35 entrati a far parte della stessa banda, nonchè il flicorno baritono Salvatore Calogero che tra il 1920 e il 1930 suonò nella banda municipale di Buenos Aires.
Attualmente il Complesso Bandistico Città di Cittanova, nel recente passato sotto la guida del compianto Maestro Romano Aniello, è diretto dal prof. Gianni Romano.




Created by Franco Politi. Tutti i diritti riservati.