Antichi mestieri

Cernatali: laboratorio

Cernatali: Vecchio laboratorio artigianale
fabbricazione zampogne, in disuso

a destra: Otre di pelle per zampogna

Il calzolaio
Il carbonaio
Il massaro
abbozzi per pipe
"mestieri di una volta"

Cernatali: Otre di pelle per zampogna

Si tratta di un tornio arcaico, azionato tramite un pedale, dove un pezzo di legno a forma di tronco di cono viene fatto ruotare e scavato per mezzo di un arnese, detto sgurbia, allo scopo di ottenere il bossolo (busciola) della zampogna.
Il legno, di solito l' erica o l'albicocco, deve essere privo di nodi, tagliato da novembre a gennaio, durante la pausa vegetativa, ed opportunamente stagionato. I quattro pifferi in legno che vengono inseriti nel bossolo, sono anch' essi fatti a mano. Il suono viene prodotto da un canna della lunghezza di pochi centimetri (zambaredda) inserita in ogni piffero.
L' otre, che viene gonfiata dal suonatore tramite una “cannozza”, è ricavata da una pelle di capra estratta con sapiente maestria e per la perfetta riuscita tale operazione deve essere eseguita solo nei mesi di agosto e settembre, infatti negli altri mesi la pelle dell' animale è inservibile poichè un insetto provoca in essa dei piccolissimi buchi.
Onde evitare che la pelle si secchi il suonatore usava versare nell' otre, attraverso la cannozza, del vino non prima di essersi accertato personalmente della bontà del liquido.





© Franco Politi - Tutti i diritti riservati.
È vietata la riproduzione, con qualsiasi mezzo, analogico o digitale, anche parziale, senza consenso.