LE PRIME RONDINI
Radio Cronache Rimate - Alberto Cavaliere (1897-1967)



Stamane sui balconi e le grondaie
le rondinelle han fatto capolino;
e si tuffan nel cielo agili e gaie,
ubriache di sole e di turchino.
Son tornate in anticipo, fedeli,
le rondinelle dall'istinto umano,
nelle nostre città; forse, a Milano,
s'annideran nei nuovi grattacieli.
Lusso da gente multimilionaria?...
Per esse è uguale: il canone non varia.

O vecchie rondinelle, ben tornate!
Niente di nuovo qui: le eterne liti...
Invece voi, felici e spensierate,
risorridete ai mandorli fioriti.
Capisco: mentre noi ci contendiamo
questa piccola terra ed i suoi frutti,
basta un albero a voi: dopo, da un ramo
volate in cielo, e il ciel basta per tutti.
Che strana cdsa! A voi madre Natura
ha dato due polmoni in miniatura;
ma amate respirar quest'aria igienica
e sbizzarrirvi nel gran cielo puro,
questa magica coppa di bromuro
sospesa sulla terra nevrastenica.
Gli uomini, invece, c'hanno dei polmoni
così grandi, rimangono infelici
a respirare l'aria degli uffici,
sdegnando il cielo azzurro e le canzoni.
Assai più intelligenti ed avvedute,
v'invidio, rondinelle. E benvenute!