SENTINELLA
Radio Cronache Rimate - Alberto Cavaliere (1897-1967)



Ad Arcisate, piccolo centro della Lombardia, un veterano della prima guerra mondiale, monta in permanenza la guardia innanzi al monumento ai Caduti.

Monta la guardia innanzi al monumento
che fu innalzato ai suoi compagni uccisi:
alcuni, del suo stesso reggimento;
rivede ad uno ad uno i loro visi,
rimasti intatti nella sua memoria,
come nel giorno del combattimento,
giovani e belli al sole della gloria.
Monta la guardia ai suoi compagni d'armi,
con la tenacia delle sentinelle.
Ancora questi bronzi e questi marmi
« Noi ricordiamo » dicono alle stelle...

Bronzi e marmi ricordano, ma il cuore
è fatto di materia assai più labile.
Gli anni passano, fuggono: si muore,
e la vita prosegue interminabile,
e l'orme della gloria anche cancella,
indifferente ad ogni sentinella.
Ma nel vecchio artigliere, allor ventenne,
con i nastrini delle sue medaglie,
resta il ricordo ancor delle battaglie
combattute sul Carso, e con solenne
impegno, dalla piccola Arcisate
dice a tutti i viventi: « Ricordate!... ».

E fin quando i tuoi fiori adorneranno
quel basamento, povero artigliere,
i Caduti il profumo sentiranno
delle dolci perdute primavere.
Vecchio artigliere, finché tu vivrai,
i tuoi compagni non morranno mai.