La Geografia

"Nella piana degli ulivi, un sito ai piedi della montagna, tra i due mari."

« …gode […] di un vasto ed incantevole panorama che dall'anfiteatro di monti e di colli che lo circondano da tre parti si spazia nella sottostante pianura che finisce al golfo di Gioia, donde comincia l'azzurra distesa del mar Tirreno.»
(V. De Cristo, Il terzo centenario delle origini di Cittanuova…, 1918)
(Coordinate Geografiche, rif. Piazza Garibaldi - EPSG WGS84)
Latitudine: 38.3539666 - Longitudine: 16.0805729
Altitudine: 409 metri s.l.m.
Abitanti: 9.945 (ISTAT - Dato Provvisorio: 31 agosto 2021)
Superficie: 61,82 Km2 (di cui 22,60 Km2 sup. montana)
Zona climatica D (D.P.R. 412/93): 1423 gradi giorno

Posizione Geografica / Geographical Position

Il territorio del comune di Cittanova si trova alle pendici dell'Aspromonte. Situato sul versante tirrenico meridionale reggino, in posizione strategica, tra il mar Tirreno e il mar Jonio, Cittanova domina la Piana di Gioia Tauro dalla terrazza più alta, quella confinante col massiccio delle Serre.
I suoi limiti si dipartono dalla sommità della dorsale appenninica ed, allungandosi in direzione NW, si chiudono in modo più o meno articolato nella parte medio bassa della Piana di Gioia Tauro.
Compreso nella Città Metropolitana di Reggio Calabria, a circa 69 Km di percorrenza stradale (48 Km in linea d'aria), a Nord-Est dal capoluogo, il territorio comunale di Cittanova confina con i comuni di Antonimina, Gerace, Canolo, San Giorgio Morgeto, Polistena, Melicucco, Rosarno, Rizziconi, Taurianova, Molochio, Ciminà. La superficie comunale è di 61,8 km2 di cui il 65% circa è pianeggiante e il 35% collinare/montuoso.
L'altitudine minima del territorio comunale è di 77 m s.l.m. mentre quella massima è di circa 990 metri sul livello del mare.

Quest'ultima si raggiunge a Piano Stempato che, unitamente al Piano Liso, Piano Melia, Piano di S. Trabus e Chiusa Grande costituiscono ciò che rimane di un'antica spianata di abrasione marina portata ad emergere dalle intense vicissitudini tettoniche.

Sulla Dorsale Tabulare, o Dossone della Melia, a circa sei chilometri da Cittanova, compreso nel Parco Nazionale dell'Aspromonte, sulla linea di displuvio tra lo Jonio e il Tirreno, lo Zomaro ricco di sorgive di acque oligominerali , faggi, lecci, abeti, ginestre e dalla presenza della Woodwardia radicans; un'antica felce gigante sopravvissuta al Cenozoico.

Sentiero del Brigante
Villaggio Zomaro
Laghetto di Crocco

I Locresi che frequentarono per motivi soprattutto militari questa montagna la vollero dedicare a Zeus Omario (Giove Conciliatore) da qui, probabilmente, trae origine il toponimo Zomaro.

Santa Trabus, la Santa TavolaSanta Trabus, la Santa Tavola

Poco distante dal villaggio dello Zomaro si trova la Santa Tavola (coordinate geografiche WGS84: 38°19'11.4"N 16°05'10.8"E), una grande pietra granitica, tagliata a metà, con croce Bizantina scolpita. Questo sito era il luogo di raduno e di preghiera dei monaci dell'Ordine di San Fantino di Taureana. Nel 590 vengono attestati a Taureana, una frazione di Palmi, una chiesa ed un monastero maschile dedicati a San Fantino.
Il Piano di Santa Trabus, secondo l’opportuna interpretazione del prof. Domenico Raso, specializzato in Antropologia, deriva il suo nome dal greco trapeza, cioè “tavola”.
L'intera area circostante, secondo una ricostruzione storica del Prof. Domenico Raso, è stato teatro dello scontro, avvenuto nel 72 a.C. tra le truppe romane comandate dal proconsole Marco Licinio Crasso ed il ribelle degli schiavi, Spartaco.

A Nord-Ovest del territorio comunale, nella parte medio bassa della Piana di Gioia Tauro, si trovano gli insediamenti rurali delle Contrade Feudotti, San Pietro, Carbonara, Sant'Antonio.


Esplora il territorio

Mappe e Vista Satellitare

Come arrivare

In macchina: raccordi autostradali di Rosarno e di Gioia Tauro (Autostrada del Mediterraneo A2).
A Gioia Tauro innesto con la Strada Provinciale SP1, ex Strada Statale SS111, che collega Gioia Tauro con Taurianova, Cittanova, Gerace, Locri attraversando l'abitato del Comune di Cittanova.
A Rosarno innesto con la strada "Grande Collegamento SGC" di attraversamento della dorsale calabrese tra la piana di Rosarno e la fascia Jonica di Locri, Siderno, Gioiosa e Roccella, Strada Statale 682 Jonio-Tirreno, e svincolo a Polistena. Tale infrastruttura si può collocare dentro l'insieme dei cosiddetti "raccordi autostradali" costituenti il sistema di scambio tra i traffici a spostamento longitudinali e quelli a spostamento trasversale della penisola italiana. Il collegamento con il territorio del comune di Cittanova avviene tramite una strada intercomunale che si innesta all'uscita del centro abitato di Polistena oppure tramite la 536 fino al quadrivio "Trappeto Bombino" e la strada Provinciale che collega Cittanova con Rizziconi.
Dalla Costa Jonica tramite la statale 106 (E 90) fino a Gioiosa Jonica e la SGC Ionio-Tirreno, uscita svincolo di Polistena, oppure da Locri collegamento con la Strada Provinciale (SP1, ex S.S. 111) per Gerace, Cittanova e Gioia Tauro.
Collegamenti da Reggio Calabria mediante autolinee della Compagnia Lirosi Autoservizi - tel. 0966/57552-3.
Con il treno: stazione Trenitalia di Gioia Tauro e proseguimento per Cittanova tramite le Ferrovie della Calabria - tratta Gioia Tauro-Cinquefrondi.
(Il servizio ferroviario Gioia Tauro-Cittanova è stato sospeso in data 6 giugno 2011, a causa delle cattive condizioni dell'armamento ferroviario, e sostituito da un autoservizio, sempre gestito da Ferrovie della Calabria).
Aereoporti: Reggio Calabria e Lamezia Terme.





Mappa del centro abitato

Built-up area


Cartografia del centro urbano

Cartografia del territorio comunale

Cittanova: lo Zomaro

Zomaro: il villaggio



Zomaro: cartografia




Piano Regolatore Cittanova (WebGis)

Cittanova: Strumenti Urbanistici



Consulta la Cartografia Catastale aggiornata (Servizio WMS)