Lo Zomaro

"I luoghi della nostra anima"

« … E salgo verso Zomaro;
l' Incudine selvaggia mi sorride all'improvviso...
Se qualche volta sogno un paradiso
è il paradiso della solitudine.
...»
(Alberto Cavaliere)

(Coordinate Geografiche, rif. Chiesa Madonna della Salute - EPSG WGS84)
Latitudine: 38.30952735 - Longitudine: 16.10755572
Altitudine: 940 metri s.l.m.

La nostra montagna

Lo Zomaro

Lo Zomaro è ubicato all'interno del Parco Nazionale dell'Aspromonte, a circa sei chilometri in linea d'aria, quattordici chilometri sono quelli necessari per raggiungere il suo villaggio percorrendo la strada carrabile, partendo da Cittanova; la strada provinciale SP1, nel passato S.S. 111, prima di percorrere la S.P. 36 (la "Via Grande").
Questa strada, la SP 1 che collega Gioia Tauro a Locri, è di epoca borbonica. Ancora prima della sua realizzazione per raggiungere lo Zomaro i percorsi erano quelli della strada del "Passo del Mercante" e quello della "Meda".

Meda, dal latino mēta (punto di svolta inteso come lo spartiacque) o "metulus" (con il significato di "dosso) era la via per valicare la montagna, nei camminamenti tra il Tirreno e lo Jonio.

Zomaro si trova ad un'altezza di 940 metri sul livello del mare.

È un sito ricchissimo di vegetazione con la presenza soprattutto di faggi, abeti, lecci e dalla presenza della Woodwardia radicans; un'antica felce gigante sopravvissuta al Cenozoico. Vi è anche la presenza dell'erica dalla quale, nel passato, veniva estratto il ciocco che, dopo essere stato squadrato, essiccato, bollito e torchiato da sapienti artigiani, le industrie ottenevano il fornello delle pipe.
Nei pressi del caratteristico Casino del Granduca è possibile ammirare dieci Alberi di Tasso, censiti tra i grandi alberi dell'Aspromonte.

Sono 54 i grandi alberi, o gruppi di alberi, censiti che costituiscono una parte notevole del patrimonio naturalistico e culturale che caratterizza il Parco Nazionale d’Aspromonte. Tra quelli catalogati tre specie si possono ammirare nel territorio del comune di Cittanova, nelle immediate vicinanze del Villaggio dello Zomaro (i tassi dello Zomaro, l'agrifoglio di Zomaro e il faggio di Palazzo); questi alberi si aggiungono agli alberi monumentali d'Italia, censiti dal Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali, presenti nel centro abitato di Cittanova, all'interno della Villa Comunale.

Grandi Alberi dell'AspromonteGrandi Alberi dell'Aspromonte

Oltre alla presenza di vecchie torbiere e di resti archeologici di epoca romana, importante la presenza di fonti d'acqua oligominerale dalle proprietà diuretiche (tra queste la Fonte Acqua Bianca).
Caratteristica è la presenza del laghetto dei piani di Crocco, posizionato nel territorio amministrativo del comune di Molochio, ma che per l'estrema vicinanza sfiora il confine del territorio comunale di Cittanova, nei dintorni del Villaggio dello Zomaro. Il laghetto è stato realizzato attorno al 1950, dalla famiglia Imperiali di Francavilla, per incremetare l'agricoltura e la pastorizia. Il sito prende il nome da un fiore, a forma di coppa, che lo colora di viola; il Crocus. Narra la mitologia greca che il bellissimo Crocus si innamorò della ninfa Smilace che era la favorita del Dio Ermes; il dio, venuto a sapere dell'interesse di Crocus per la ninfa, trasformò il giovane in un fiore da cui prese il nome.
Numerosi sono i sentieri di trekking che conducono gli escursionisti in questi luoghi: il Sentiero Italia (tappa SI U06), il Sentiero del Brigante, il Sentiero dell'Alleanza, l'Anello di Cittanova.

Santa Trabus, la Santa TavolaSanta Trabus, la Santa Tavola

Poco distante dal Villaggio dello Zomaro, all’inizio della discesa che conduce a Petruccio, in cima alla vallata della fiumara Secca, si trova la Santa Tavola (coordinate geografiche WGS84: 38°19'14"N 16°05'21"E), una grande pietra granitica, tagliata a metà, con croce Bizantina scolpita. Il sito era il luogo di raduno e di preghiera dei monaci dell'Ordine di San Fantino di Taureana. Nel 590 vengono attestati a Taureana, una frazione di Palmi, una chiesa ed un monastero maschile dedicati a San Fantino. Il Piano di Santa Trabus, secondo l’opportuna interpretazione del prof. Domenico Raso, specializzato in Antropologia, deriva il suo nome dal greco trapeza, cioè “tavola”.
Il Vallone Monaco prima e poi, più a valle, la fiumara Melone, erano i luoghi di un antico sentiero che congiungeva, nel passato, lo Zomaro ai Casali di Terranova.

L'intera area circostante, secondo una ricostruzione storica del Prof. Domenico Raso, è stato teatro dello scontro, avvenuto nel 72 a.C. tra le truppe romane comandate dal proconsole Marco Licinio Crasso ed il ribelle degli schiavi, Spartaco; in transito durante la sua risalita verso Nord, al comando di un esercito di ribelli, dopo aver visto sfumare il tentativo di approdare in Sicilia a causa del tradimento dei pirati cilici.